You are here
Home > BLOG > IN PRIMO PIANO > Eleonora Cantamessa, eroina di un’epoca senza umanità

Eleonora Cantamessa, eroina di un’epoca senza umanità

14 settembre 

 

Oggi si sono svolti i funerali della dottoressa Cantamessa Eleonora Cantamessa, una donna che ha inconsapevolmente dato la sua vita per salvare una vita e che, la vita, l’ha data da sempre aiutando tante donne a partorirla. Eleonora è un’eroina del nostro tempo, un tempo nel quale l’amore per l’Altro è un’ eccezione e non la normalità. 

Oggi viviamo un’epoca dove la necessità di essere parte del mondo e mettersi a disposizione degli altri e del cambiamento è considerata una virtù o una lucida follia, un atto eroico invece di uno stato naturale della persona umana. Eleonora altro non era che una persona vera, un esempio, una testimonianza, come chiede la madre attraverso una lettera che dovrebbe essere letta nelle scuole. Una persona vera che diventa stra-ordinaria nel momento in cui l’ordinario è costituito da un’individualismo sfrenato che si riflette nel mondo provocando quella crisi epocale che sta travolgendo il mondo occidentale, e non solo.

In quello “stra” che oggi mettiamo davanti a tutto, stra-vivere, stra-fare, stra-parlare, ci sono la mancanza, la negazione, il nulla o il troppo, c’è l’uomo che ha o non ha sentito e vissuto il cambiamento, l’evoluzione, ma che è rimasto chiuso dentro la gabbia dell’egoismo, dell’avidità, dell’ignavia, di una natura che lo vuole predatore compulsivo nonostante la capacità di ragionare e riconoscere il bene e il male. C’è un uomo solo e solitario. C’è colui che si lamenta, ogni giorno, ogni istante di quello che non gli piace, la politica, i politici, lo Stato, la giustizia, la legge, l’economia tiranna, gli evasori, gli assassini, i ladri, la mancanza di lavoro, le tasse che crescono, ma che oltre il lamento stra-bordante e stra-ripetuto non va.

Quando le Persone che sentono il dovere morale, spirituale, umano di dare qualcosa di sé agli altri, di dare qualcosa di sé per diventare un unico Sé senza il quale non c’è futuro, le Persone oneste, che si sentono libere solo entro gli schemi che permettono la stessa libertà anche agli altri, quando queste Persone non saranno più considerate stra-ordinarie ma ordinarie, allora il mondo sarà davvero cambiato. In meglio. Prima no, non è possibile. Eleonora era semplicemente e meravigliosamente umana, se lo fossimo tutti, il mondo sarebbe migliore.©

Articoli Simili

Lascia un commento

Top